La sperimentazione dei farmaci sugli animali

“La sperimentazione dei farmaci per l’uomo sugli animali: le conseguenze di un errore scientifico”
Fabrizia Pratesi – Gianni Tamino
La sperimentazione animale porta danno all’uomo per due ragioni:
a) fa in modo che vengano sperimentate sull’uomo delle sostanze che non hanno subito alcun vaglio preventivo; infatti le prove sull’animale non danno risultati applicabili all’uomo, neppure orientativamente.

b) fa correre il rischio (sovente verificatosi) di scartare sostanze o terapie di grande aiuto per l’uomo, perché risultate tossiche per una qualche specie animale.
Oggi le statistiche dimostrano che centinaia di migliaia di decessi in Europa sono causati da più di 100.000 prodotti tossici immessi nell’ambiente negli ultimi anni senza i test necessari a valutare i loro effetti sulla salute e sull’ambiente .
Pur approvando l’iniziativa della Commissione Europea di voler regolamentare l’uso di queste sostanze tossiche con il progetto REACH (Registration, Evaluation, Autorisation of Chemicals), il Comitato Scientifico EQUIVITA denuncia l’intento di effettuare le prove di tossicità sugli animali e ritiene che tali prove debbano essere sostituite con test che diano risposte valide per l’uomo, prove che già esistono e che sono di facile applicazione

Pubblicato in Temi trattati
novembre: 2004
L M M G V S D
« Ott   Dic »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930