Bruxelles a Roma: “Pagherete di più perché siete in ritardo sulle rinnovabili”

Il gruppo Combat Climate Change aderisce all’appello dell’Onu per il rinnovo del Protocollo. All’interno del cartello ben 55 colossi come Ge, Bp, Siemens, Vattenfall, Hp e Tata. Le multinazionali sposano il Kyoto bis. “Il business può salvare il clima”. Da Bruxelles nuova bacchettata a Roma: “Pagherete di più perché siete in ritardo sulle rinnovabili”

(v. g. – www.repubblica.it – 30 ottobre 2008)

ROMA – Il business come soluzione contro il riscaldamento globale o le soluzioni al riscaldamento globale vanno contro il business? Sembra uno scioglilingua, ma sintetizza la differenza che divide al momento l’industria italiana da buona parte di quella del resto del mondo. Se la Confindustria, spalleggiata dal governo, non perde occasione per lamentare i costi che la direttiva 20-20-20 adottata dall’Unione Europa per rispondere ai cambiamenti climatici avrebbe sul nostro sistema economico, un cartello di ben 55 multinazionali ha sottoscritto ieri l’appello delle Nazioni Unite affinché il prossimo anno vengano gettate le basi per il rinnovo e il rafforzamento del Protocollo di Kyoto.
A farsi portavoce di questa posizione è stato Lars Josefsson, presidente della Vattenfall, quarto maggiore fornitore di energia elettrica in Europa. Parlando a nome del gruppo “Combat Climate Change”, un’associazione che raccoglie ben 55 multinazionali tra le quali spiccano i nomi di General Electric, Aig, Citigroup, Bp, Siemens, Hitachi, China Oil Offshore Company, Volvo, Tata Power e Hewlett Packard, il numero uno del colosso svedese ha spiegato che “il business è una soluzione contro il riscaldamento globale, per questo vogliamo creare una massa critica in vista delle conferenze Onu sul clima di Poznan (a dicembre 2008) e Copenhagen (2009)”. “Malgrado la crisi economica globale siamo molto ottimisti – ha aggiunto Josefsson – I vertici industriali devono mostrare quella capacità di leadership e di buon senso che manca alla politica”.
Il manager non ha fatto espressamente il nome dell’Italia, ma le sue parole hanno ribadito una volta di più il grado di isolamento nel quale si trova in questa fase il nostro paese in tema di politiche ambientali. Anche il tavolo tecnico tanto invocato da Roma per contestare le cifre di Bruxelles sui costi dell’adeguamento alla direttiva 20-20-20 si è risolto infatti in un buco nell’acqua. Alla fine del primo round di incontri la delegazione italiana, come ha ammesso il direttore generale del ministero dell’Ambiente Corrado Clini, ha dovuto riconoscere la validità dei dati dell’Unione Europea.
Rispettare gli impegni di riduzione delle emissioni di CO2 e di incremento delle fonti rinnovabili e del risparmio energetico ci costerà quindi circa 12 miliardi l’anno e non di 18-25 come lamentato da Palazzo Chigi (1,14% del Pil secondo l’Italia, 0,66% secondo la Commissione). Ciò significa che l’Italia dovrà comunque pagare un sovrapprezzo di circa il 40% rispetto agli altri stati europei, ma questo, come ha sottolineato oggi la portavoce del Commissario all’Ambiente Stavros Dimas, non è un problema di Bruxelles, bensì di Roma che paga il suo ritardo nel settore delle rinnovabili dove sarà necessario ora “un sforzo supplementare”.

Pubblicato in CO2, Notizie
novembre: 2008
L M M G V S D
« Ott   Gen »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930