63 – Ricordarsi della rabbia

Ricordarsi della rabbia

 

Ricordati della rabbia! Tu, amico che amo, fratello che amo, ricordati della rabbia!

La rabbia di chi vuole quello che non trova intorno a s: l’amore, la solidariet, la creativit, la crescita del senso umano, gli ideali, ….

Se non si lotta con rabbia tutto questo sfiorisce.

Rinascer forse un giorno, ma tu sei oggi e devi essere. Non puoi sperare che altri facciano vivere quello che tu ami e affidare a loro il tuo essere, non puoi sperare che le cose succedano senza di te.

Sappi distinguere l’amore dalla rinuncia e l’ottimismo dall’accettazione passiva, non stancarti del tuo giudizio che deve essere rigoroso per poter penetrare l’animo degli altri, sappi sperare senza affidarti alla speranza.

Corri il rischio di rimanere solo.

Cura le tue energie e fai crescere i mezzi a tua disposizione per usarli per quello in cui credi.

Abbi chiaro quello che tu vuoi, fatti aiutare in questo dalla tua passione, non lasciare che gli altri la deprimano, ma alimentala come una compagna che insieme al tuo giudizio ti deve sostenere per tutta la vita.

Essa ti far sentire che si pu andare oltre, verso quello che aspiri o che ti stato tolto, anche se tu non dovessi pi riaverlo, ma che ugualmente sentirai dentro di te finch lotti. Sii severo verso la nostalgia.

Ricordati della rabbia nei momenti di debolezza o di depressione.

Lotta con rabbia ma non uccidere.

 

Roberto Imperiali

Pubblicato in Interventi P. Imperiali

Lascia un commento

novembre: 2009
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30